Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
11 dicembre 2013 3 11 /12 /dicembre /2013 09:38

 

“I  Messaggeri di  Mauro Molinari ”

 (60 francobolli d’artista dal 1998 al 2013)

 Mauro Molinari, A1-2013

 

Con  il termine Artistamps”, si intendono i Francobolli d'Artista,  le creazioni  grafiche degli artisti che orbitano di preferenza nella Mail Art,  nella Poesia visiva e più in generale nella cosiddetta arte Concettuale, opere   che ricordano e  reinterpretano in maniera originale  le affrancature emesse dai Servizi postali ufficiali  delle varie nazioni. La Mail Art, ideata da Ray Johnson negli anni ’60, nasce come fenomeno artistico  “underground” condividendo le proposte del movimento Fluxus: una forma d’arte essenzialmente  e totalmente  svincolata da giochi di potere e libera da qualsiasi logica  produttiva. Le opere di Mail Art, spedite per posta viaggiano da un capo all’altro del pianeta  e molto spesso si  completano  con i timbri, francobolli,  adesivi e persino elementi tridimensionali. Le buste, e i francobolli sono la chiara testimonianza di un viaggio che finisce per fare parte dell'opera stessa. La produzione dei francobolli d’artista è sterminata e comprende opere di importanti artisti che hanno da tempo  dedicato forze e attenzione  a tale forma di espressione, artisti di grande interesse  come Michael V. Hitrovo e Karl Schwesig, Donald Evans  deceduto nel 1967, Yves Klein, Lamberto Pignotti, Guglielmo Achille Cavellini, e tanti  altri artisti come David Hockney, Ralph Steadman,  Allen Jones, Paolo Scirpa,  Marcello Diotallevi  e  Mauro Molinari.

 

Dal 1998  a oggi,  Molinari ha già realizzato una sessantina di francobolli  tutti di grande qualità e bellezza.  Per rendersene conto basta visionare i  lavori come E2 - “Hacia el nuovo Milenio” del 1999 e  A - 2000, La lengua  International: “Esperanto” creati  per il Museo de Filateria di Oxaca in Messico, oppure, la bella serie di francobolli creati nel 2003 per il Festival  francese d’Avignon o per Aline Girard e Peter Reindl. Dopo il 2003 vi è stata una breve interruzione di questa particolare produzione. Dobbiamo attendere  il 2012 per avere una  importante ripresa di questo modo di fare, sollecitato dallo Spazio Ophen Virtual Art di Salerno con  il progetto Internazionale “In forma di francobollo” dedicato all’artista Marcello Diotallevi. Inoltre, sono del 2013 le tre  ultime e originali opere  dal titolo “I Messaggeri” che  Mauro Molinari ha voluto dedicare all‘Ophen Virtual Art Gallery di Salerno  in cui si nota la grande qualità  e  maestria di questo importante artista italiano.

 

Ci sembra doveroso, a questo punto,  sottolineare che la produzione  “in forma di francobollo” per Molinari non è un semplice cambiamento di formato e di  funzione, stimolato dalle sollecitazioni dei temi trattati,  nel corso di questi anni ha sempre cercato di sperimentare visioni e immagini che indubbiamente, poi,  si ritrovano  presenti anche nelle opere pittoriche. Pertanto, i suoi francobolli non devono essere intesi come semplici elaborazioni ludiche alternative alla sua  più conosciuta   produzione pittorica, ma ricerca “a tutto campo”  in  vista di un approfondimento da convogliare come esperienza  anche nella pittura. Praticamente “un laboratorio d’idee” da sperimentare ad ampio spettro. Questa ultima e generosa stagione lo vede impegnato a  svelare oscuri misteri e strani sortilegi, con una “verve” tutta  immaginativa e altamente visionaria. Non è un caso se poi Mauro Molinari li chiama “Messaggeri”,  ovvero profeti che condividono l’oscurità  e il mistero delle cose  per  poi divenire  anche portatori di conoscenza, di luce  e  di verità.

 

La visione che ha Mauro Molinari è tutta improntata a svelare gli strani intrecci tra memoria e tempo in una sorta di struttura compositiva decisamente malleabile e sfuggente in cui la leggerezza dell’apparire  convive con la provvisorietà  e inconsistenza di un momento  magicamente sospeso. Le sue rappresentazioni “a-temporali”  smantellano la consueta logica di una narrazione e prospettano una visione quando mai  duttile, frammentata,  carica di momenti  e suggerimenti diversi che  s’intersecano e convivono contraddicendo la consueta rappresentazione  logica conseguente di un racconto.  In Molinari i ricordi diventano  frammenti  di poesia sospesa e le presenze ci appaiono come  lacerti di un vivere  illogico e alienato  che definiscono  una sorta di essenza svuotata dell’uomo contemporaneo di oggi,  in cui tutto “può essere e apparire” in un succedersi di eventi e accadimenti  provvisori in divenire altamente evocativi e poeticamente profetici.  

                                                                                     2-.-Tre-francobolli--di--Mauro--Molinari-2013.jpg              Opera di Mauro  Molinari 2013 dedicata a Spazio Ophen Virtual Art Gallery di Salerno.

Condividi post

Repost0

commenti